cerca

 

LASER AD ERBIUM 

ll viso ra
ppresenta la zona di più alto interesse per il pubblico e i medici hanno trattato, per anni, la cute di questo distretto per i danni da fotoesposizione rimuovendo l'epidermide e una parte variabile del derma con varie modalità. 
Ma l'impiego di Acido Retinoico, Vitamina C topica, fotoprotettori e antiossidanti, o l'utilizzo di agenti chimici per i peeling (Acido Glicolico, Piruvico, salicidico), capaci di rimuovere strati superficiali di cute, pur dando discreti risultati, non hanno determinato ampia soddisfazione in chi desidera un più radicale intervento ringiovanente.
 
 Cheratosi prima
Cheratosi dopo 7 giorni
 
 
Cheratosi tempia prima
Cheratosi tempia dopo

Tutto ciò ha decretato l'ampia diffusione di questo laser soprattutto nell'ambito del ringiovanimento cutaneo con particolare riguardo alle rughe periorbitali e peribuccali, del collo e delle mani.

Partendo dal presupposto che le lesioni tipiche del
foto-invecchiamento sono a carico della porzione più interna della pelle (derma) si è pensato di oltrepassare la parte più esterna (epidermide) preservandola, ed arrivare a determinare il miglioramento totale della pelle foto-danneggiata colpendo solo la zona di pelle interessata.
 
Cheratosi prima
 Cheratosi dopo 7 giorni
 
 
Cheratosi dopo un mese
 


Ciò consente, al laser ad erbium, di svolgere un'azione minimamente ablativa, risparmiando i tempi di recupero, che diventano brevissimi e stimolando il collagene a diventare più compatto, promuovendo, altresì, una sua produzione ex novo, donando alla pelle più lucentezza e più turgore.

Recentemente, con l'affinamento della tecnologia, alla lista delle opzioni terapeutiche si è aggiunto l'impiego della luce LASER e in particolare l'erbium.

La sua caratteristica principale, è legata alla sua altissima affinità per l'acqua della pelle e questo fa sì che possa esercitare la sua azione in modo poco invasivo, poco doloroso e con recupero veloce.

È un laser molto particolare, che permette di ottenere un effetto pulsato talmente netto da essere quasi privo di effetto termico.

Questa sua specifica caratteristica lo rende un’eccezionale e delicato abrasore; è il laser d’elite per il trattamento delle cicatrici post-acneiche, e post varicella, xantelasmi, verruche volgari, cheratosi, lentigo simplex del dorso delle mani.