L'ACIDO JALURONICO

L'acido jaluronico è un prodotto ottenuto per fermentazione in colture di streptococcus equi, batterio non patogeno per l'uomo.
Per la correzione di inestetismi cutanei ha, dall'epoca della sua uscita sul mercato, suscitato numerosi interessi sia per la maneggevolezza e facilità d'uso che per la sicurezza grazie all'elevata biocompatibilità.
L'acido jaluronico è diventato oramai uno dei filler più utilizzati in medicina estetica costituendo un sistema pratico, poco invasivo, e immediato di numerosi inestetismi. Oggi è forse diventato il trattamento più richiesto in medicina estetica sia dalle donne che dagli uomini.

Nella sua forma naturale ha proprietà biostimolanti veramente interessanti (jal-System); con la definizione di biorivitalizzazione andiamo così ad aggiungere una nuova metodica di ringiovanimento complementare al filler.

La caratteristica principale rimane comunque quella di dar volume ai tessuti: il campo di applicazione principale è la cancellazione di rughe e segni d'espressione ma può essere utilizzato anche per aumentare il volume delle labbra, alzare gli zigomi o modificare il profilo del mento.
Essendo una sostanza biocompatibile che si integra perfettamente nei tessuti, l'acido jaluronico verrà completamente riassorbito in un periodo variabile dai 3 ai 12 mesi.
Caratteristica del prodotto è però la degradazione isovolumetrica, ovvero la capacità di mantenere il volume iniziale manche durante la fase di degradazione; via via che la concentrazione di acido diminuisce, aumenta la quantità di acqua che ogni molecola è in grado di legare.
Labiale prima del trattamento
Labiale dopo l'impianto

Esistono filler all'acido jaluronico "su misura" per ogni ruga. Dalla più sottile con cui utilizzeremo una forma "meno densa" adatta al trattamento di rughe superficiali e sottili (contorno occhi, contorno labbra), alle rughe di medie dimensioni (naso genuine glabellari, profilo labiale), fino ai grandi riempimenti ( es. zigomi) in cui la formulazione più densa è quella elettiva.

L'aspetto esterno di entrambi i prodotti, è di un gel trasparente, incolore, apirogeno e viscoelastico. Quello che cambia è rappresentato dalle dimensioni delle particelle di gel. Ogni formulazione, ovvero ogni dimensione delle particelle, è adatta a quel tipo di ruga in quanto formulata per il tessuto dove deve essere impiantata:
derma superficiale, derma medio, sottocute. Ne consegue che una corretta tecnica di impianto unitamente a una scelta oculata del prodotto sono gli elementi fondamentali per un miglior risultato.